Avv. Enrico Pelino

Avvocato del foro di Bologna, fellow dell’Istituto Italiano per la Privacy, affianca a una solida formazione, prevalentemente ma non esclusivamente civilistica, un’ampia esperienza in materia di diritto delle nuove tecnologie, tutela della privacy, protezione dei dati personali, sicurezza informatica.

Svolge la propria attività professionale tanto in ambito contenzioso quanto in ambito stragiudiziale (consulenza, contrattualistica, formazione), assistendo privati e società italiane ed estere.

Accanto a tradizionali tematiche privatistiche, commerciali, giuslavoristiche, fallimentari, si occupa di sistemi informativi della PA, cloud computing per il settore pubblico e privato, banche dati in ambito sanitario, anonimizzazione e pseudonimizzazione di dati personali, sistemi avanzati di videosorveglianza, tutela dei dati personali nei luoghi di lavoro, controlli su posta elettronica e Internet, violazione di dati in seguito a incidente informatico, indicizzazione di informazioni e diritto all’oblio, diritto di cronaca e tutela dei minori, furto/abuso d’identità, Internet of Things, utilizzo di body cam. [leggi di più]

Nell’ottobre 2016 ha pubblicato per Giuffrè (vai alla pagina), con L. Bolognini e C. Bistolfi, Il Regolamento Privacy europeo. Commentario alla nuova disciplina sulla protezione dei dati personali, un articolato commentario al Regolamento (UE) 2016/679. Ha all’attivo numerose pubblicazioni in italiano e in inglese, tra le quali si segnalano Rethinking the one-stop-shop mechanism: Legal certainty and legitimate expectation, con P. Balboni e L. Scudiero, in Computer Law & Security Review, 30 (2014) 392-402 e diversi contributi raccolti nel volume Diritto all’anonimato Anonimato, nome e identità personale (a cura della Prof.ssa G. Finocchiaro), pubblicato all’interno del Trattato di diritto commerciale e di diritto pubblico dell’economia diretto da F. Galgano, editore Cedam, 2008.

Svolge docenze, attività di formazione ed è relatore in convegni, italiani ed esteri. Parla correntemente in lingua inglese e ha una conoscenza operativa delle più diffuse lingue europee.

Laureatosi con lode all’Università di Parma nel 1998, conseguita l’abilitazione forense nel 2001, iscritto all’albo nel 2003, ha collaborando dal 2002 al 2005 a vari progetti in materia di information technology e diritto presso un centro di ricerca interdisciplinare (Cirsfid) dell’Università di Bologna, partecipando a una scuola di specializzazione/master in diritto dell’informatica presso lo stesso ateneo nel 2001. Nel 2005 ha conseguito un dottorato di ricerca in informatica giuridica e diritto delle nuove tecnologie presso l’Università di Bologna, con una tesi in materia di diritto alla privacy, divenendo in seguito assegnista di ricerca e affiancando la cattedra di diritto di Internet presso lo stesso ateneo. [leggi di meno]

Email: