Algoritmi predittivi: l’avv. Pelino intervistato da IusLaw Web Radio

Si torna a parlare di algoritmi predittivi per il contrasto all’evasione fiscale. In particolare, del software sul quale l’Agenzia delle Entrate ha recentemente svolto la valutazione d’impatto (DPIA) e il Garante per la protezione dei dati personali si è espresso, non senza numerosi rilievi, in sede di consultazione preventiva. Ne abbiamo già parlato qui, invece per ascoltare l’intervista all’avv. Pelino su IusLaw Web Radio – La radio dell’avvocatura, si rimanda al seguente link: V.E.R.A – Agenzia delle Entrate – Intervista.

Nell’intervista si fa cenno all’esperienza negativa olandese di utilizzo di software predittivi in funzione antifrode. In quella vicenda, che ha dato luogo a un caso nazionale, noto come “toeslagenaffaire”, alcuni bias del sistema (occorrenza peraltro comune) hanno determinato effetti distorsivi e persecutori, anche su base etnica, nei confronti di un elevatissimo numero di persone, circa 26.000.

Si sono registrati anche danni gravissimi. Della vicenda si è interessata la locale autorità di controllo per la protezione dei dati personali, comminando sanzioni per € 3,7 milioni all’amministrazione titolare del trattamento.

Non deve automaticamente dedursene che anche il modello italiano sarà inficiato da bias, tuttavia il precedente citato rafforza la richiesta di trasparenza sul nuovo modello algoritmico di cui si chiede l’introduzione nel nostro Paese, affinché non sia una black box. Resta anche l’esigenza di valutare la corretta applicazione del principio di minimizzazione, previsto dall’art. 5 GDPR, oltre alle clausole generali di ragionevolezza, necessità e proporzionalità.

L’avvocato Pelino entra nel gruppo di esperti EDPB

L’avvocato Enrico Pelino è entrato a far parte dal 30 agosto 2022 del gruppo di esperti in materia di protezione dei dati personali, Support Pool of Experts, del Comitato delle autorità di controllo dell’Unione europea.

L’EDPB è l’organismo che riunisce il nostro Garante per la protezione dei dati personali e gli altri omologhi europei.

Gli esperti potranno essere chiamati per consulenze e progetti e altre attività di supporto all’EDPB.